Home 9 Marketing e Vendite 9 Come l’online modificherà l’offline in 10 tappe ( Page )
Come l’online modificherà l’offline in 10 tappe

Il tema della multicanalità è questione dibattuta da tempo, tra chi sostiene un futuro di cannibalizzazione assicurata e chi invece la vede come il modo migliore per aumentare il proprio bacino di clienti.

Il rapporto redatto da Psfk (società statunitense di analisi dei trend di vendita), e pubblicato in occasione della convention annuale della National Retail Federation, è andato oltre il semplice tema online vs offline, riassumendo quelli che saranno i 10 driver che guideranno la trasformazione dei punti vendita fisici e del processo di vendita stesso.

Se, da una parte, l’acquisto tenderà ad essere possibile ovunque e dovunque, che sia tramite social o tramite e-commerce, dall’altra, il punto vendita continuerà a svolgere una funzione di rassicurante presenza fisica (es. pick&pay, acquisto online ma ritiro in negozio), di confronto e di scambio di informazioni, ma tenderà ad evolversi verso una digitalizzazione dell’esperienza di acquisto, con gli articoli che saranno in grado di dialogare con i device o i camerini che diventeranno virtuali.

Con i punti vendita che saranno sempre meno negozio in senso stretto, la loro natura andrà verso quella di un hub di servizi complementari (es. barber shop e abbigliamento, libreria e caffetteria) e il loro magazzino andrà a tendere sempre più verso lo zero, costringendo ad un’ottimizzazione del processo logistico (costi e tempi di spedizione).

L’attenzione, quindi, sarà sempre più volta all’esperienza vissuta dal cliente, sia nell’approcciarsi al prodotto che dovrà raccontare una storia, sia nel vissuto all’interno del punto vendita, che dovrà essere sempre più libero e immediato. Oggetto della vendita non è più un semplice prodotto, è un connubio di aspettative, di emozioni, di comodità e di efficienza.

In questa corsa alla trasformazione, ai blocchi di partenza le grandi catene si trovano affiancate alle piccole realtà commerciali, e risulta difficile prevedere chi saprà interpretare al meglio le esigenze del nuovo consumatore.

Fonte:
CorriereInnovazione.Corriere.it

Altre news

La preparazione della trattativa d’acquisto

La preparazione della trattativa d’acquisto

In letteratura si riscontrano moltissime teorie su come approcciare agli approvvigionamenti in modo efficace e proficuo. Spesso però si perdono di vista alcuni principi chiave che devono essere pochi, ma chiari e applicati in modo continuativo. Il buyer deve...

Il processo di delega nelle aziende: una sfida da vincere

Il processo di delega nelle aziende: una sfida da vincere

La capacità di delega è una competenza imprescindibile nel lavoro di un manager. Peter Drucker (economista e saggista austriaco naturalizzato statunitense) sosteneva che: “il management è il conseguimento di obiettivi tramite terzi”. L’attività di delega si è evoluta...

Apple: a Napoli il primo centro europeo per lo sviluppo di App iOS

Apple: a Napoli il primo centro europeo per lo sviluppo di App iOS

Dopo l’accordo con il fisco italiano (318 milioni di euro per chiudere il contenzioso con l’Agenzia delle Entrate) e la presenza di Tim Cook all’apertura dell’anno accademico alla Bocconi, Apple annuncia l’apertura a Napoli del primo centro in Europa per lo sviluppo...

Share This